Aspirapolvere senza filo o tradizionale? Eccome come scegliere quello giusto!

aspirapolvere senza filo o tradizionale

aspirapolvere senza filo o tradizionale

Quante volte hai desiderato appendere al chiodo scopa e paletta, perché ormai sai perfettamente che non raccolgono al 100% lo sporco?

Quante altre volte, invece, hai desiderato uno strumento di pulizia pavimenti più maneggevole rispetto alla classica aspirapolvere?

Se ti stai ripetendo già da un po’ di tempo che è arrivato il momento di dare una svolta ai tuoi metodi di pulizia, allora è il caso che continui a leggere questo articolo.

Sto per spiegarti infatti quali sono le principali differenze tra strumenti tradizionali e aspirapolvere e come si differenziano queste ultime tra modelli con i fili e modelli senza fili.

Insieme scopriremo i vantaggi e i punti deboli, così da chiarirti le idee e permetterti di effettuare una scelta che sia davvero consona alle tue esigenze.

Per quanto non sia possibile stilare una classifica assoluta di modelli migliori in termini di efficacia ed efficienza, senz’altro imparerai a riconoscere le soluzioni cucite appositamente sulle tue necessità.

Aspirapolvere contro scopra, paletta e panno elettrostatico

Una battaglia che si preannuncia persa su tutti i fronti, a discapito dei buoni vecchi metodi tradizionali.

I vantaggi dell’aspirapolvere, rispetto a scopa e paletta sono evidenti: la prima aspira ed elimina ogni granello di polvere, la seconda si limita solo a spostare lo sporco, lasciando residui anche a fronte di numerosi passaggi.

Non è migliore la sorte del panno elettrostatico che, per quanto possa tornare efficace al primo passaggio, man mano che avanzi lungo il tuo pavimento e la polvere si accumula, diminuisce il suo effetto catalizzatore.

Pertanto, dopo pochi minuti, esattamente come per la scopa, ti ritroverai semplicemente a spostare la polvere, invece che trattenerla.

In più, nessuno dei metodi tradizionali può adattarsi a superfici diverse.

Se con l’aspirapolvere puoi spaziare dai rivestimenti della casa ai materassi ,fino all’automobile, in base agli accessori che avrai in dotazione, difficilmente riuscirai a compiere le stesse operazioni con scopa, paletta e panno elettrostatico.

Differenze tra aspirapolvere senza filo e con filo

Qui il margine di differenziazione si assottiglia maggiormente, perché siamo davanti a due strumenti che aspirano la polvere e i detriti in ogni punto delle superfici su cui intendi passarle.

Lo scopo principale di entrambi i dispositivi è eliminare polvere e piccoli detriti da ogni punto della casa, rappresentando una valida soluzione anche per operazioni come la pulizia degli interni dell’auto.

Le differenze più evidenti risiedono invece nel tipo di alimentazione e nella struttura.

Un aspirapolvere con filo è un dispositivo dotato di ruote per agevolarne il traino durante le operazioni di pulizia.

È fornito di un lungo tubo flessibile e di una serie di accessori per eliminare la polvere da pavimenti, tappeti, tappezzeria e così via.

Il serbatoio è dotato di un sacchetto rimovibile e sostituibile con altri dati in dotazione dalla stessa azienda, una volta raggiunta la saturazione massima.

La presenza del cavo elettrico, per quanto possa garantire un’autonomia illimitata e raggiungere una lunghezza adeguata, non coprirà mai l’estensione dell’intero spazio.

 A questo bisogna sommare infine il peso considerevole che va ad incidere sulla maneggevolezza e sulla fatica che dovrai sopportare, soprattutto negli spazi più ampi.

Un aspirapolvere senza fili invece è dotata di batteria ricaricabile ed è leggera e particolarmente maneggevole.

Questo soprattutto perché la capienza del suo serbatoio è inferiore rispetto alla più tradizionale aspirapolvere e, di regola, non è dotata del sacchetto rimovibile.

Se vogliamo si presta molto alle pulizie quotidiane, proprio perché in grado di raggiungere anche i punti di più difficile accesso. Un po’ come faresti con il panno elettrostatico, ma col vantaggio dell’aspirazione totale dello sporco.

I suoi limiti, invece, si esauriscono in una bassa capacità del serbatoio di raccolta, anche se ci sono modelli che ottimizzano notevolmente la sua capienza. A questo si aggiunge anche l’autonomia limitata nel tempo che, nei modelli più performanti, può arrivare ad un massimo di 60 minuti, alla minima potenza.

Entrambe sono dotate di tecnologia ciclonica che garantisce un potente risucchio, creando appunto un vortice d’aria.

Anche l’impugnatura è generalmente ergonomica per entrambe le tipologie, dotata di un interruttore a grilletto per gestire meglio la potenza.

Nel caso dell’aspirapolvere senza fili, infine, i modelli più diffusi sono generalmente 2 in 1: si possono utilizzare come una scopa elettrica, applicando le spazzole in dotazione e sfruttando la lunga asta, oppure come un aspirapolvere portatile per raccogliere le briciole dalla tavola o ripulire gli interni dell’auto.

Vantaggi e Svantaggi

Per valutare accuratamente i pro e i contro di entrambi i dispositivi è opportuno tenere a mente diversi aspetti tecnici, che possono differenziarle, e soppesare quelli più funzionali a soddisfare le tue esigenze rispetto a quelli più marginali.

Sostanzialmente, quando bisogna scegliere se acquistare un aspirapolvere con o senza fili, è necessario tener conto di:

Autonomia

Sotto questo punto di vista la battaglia sembra persa dall’aspirapolvere senza fili. Per quanto possano essere efficienti le sue batterie, difficilmente supererà i 40-60 minuti.

Diversamente, l’aspirapolvere con i fili non ha limiti di autonomia. Tutto ciò che serve è una presa elettrica.

Ma se da una parte questo è un punto di forza, d’altra parte può rappresentare un vincolo non indifferente in termini di versatilità e spazio di movimento.

Inoltre l’aspirapolvere senza fili è ormai dotato di una batteria con sufficiente autonomia per riuscire a pulire una casa di dimensioni medie senza dover correre a ricaricarlo per terminare le pulizie.

Maneggevolezza

Una caratteristica che senz’altro ribalta il risultato precedente a favore, questa volta, dell’aspirapolvere senza fili. L’assenza di cavo elettrico le consente di essere spostata su superfici molto ampie, anche da una stanza all’altra, senza la necessità, raggiunto il limite massimo del cavo, di spegnere il motore e cambiare presa di corrente.

Inoltre, proprio perché dotata di autosufficienza, può essere utilizzata in ogni ambiente, anche quelli sprovvisti di presa elettrica (interni dell’auto, mansarda, garage).

Versatilità

Per versatilità si intende la capacità di utilizzare l’aspirapolvere in ogni angolo dell’ambiente da ripulire e su superfici differenti.

Sostanzialmente questo dipende dagli accessori in dotazione di entrambe le tipologie di prodotto.

Un modello di fascia medio alta di un aspirapolvere senza fili può offrire un numero maggiore di utensili rispetto a un modello di fascia medio bassa di un aspirapolvere con cavo elettrico.

Dipende in buona sostanza dal modello che si sceglie e dal costo.

Capacità di aspirare i liquidi

Nessuna per entrambi i dispositivi, ad eccezione di quelli dotati di bidone esterno, che riescono ad aspirare anche residui di sporco molto grossi, fortemente a discapito della praticità e manovrabilità.

Tale limite in entrambi i modelli è dettato dalla tecnologia ciclonica, vista poc’anzi, che non permette di tirar via i liquidi dal pavimento.

Potenza

L’aspirapolvere con cavo risulta in grado di essere più performante rispetto a un aspirapolvere senza fili per tempi più lunghi, dato che l’alimentazione è costantemente fornita dal cavo elettrico.

Per quanto riguarda gli aspirapolvere senza filo con batteria, la potenza di aspirazione è ormai perfettamente paragonabile a quella con filo (negli ultimi anni c’è stata una grande evoluzione in merito a potenza e motori) o addirittura a volte superiore.

Ovviamente all’aumentare della potenza corrisponde il diminuire dell’autonomia della batteria!

Capacità del Serbatoio

Le differenze sono considerevoli se si pensa che il serbatoio di un dispositivo elettrico può raggiungere i 2/3 litri, mentre uno a batteria rimane fermo a una capacità di 0,5/0,6 litri.

Anche in questo caso, come nel precedente, dipende dall’utilizzo che si intende fare.

Clicca qui per scoprire l’aspirapolvere senza filo con il serbatoio Maxi!

Quale Scegliere

Tutto dipende dalle tue esigenze, dall’uso che ne devi fare e dove intendi utilizzarle.

In molti casi l’una non esclude l’altra, a seconda delle prestazioni che si richiedono e della sua versatilità.

Ciò nonostante, anche per rigor di sintesi, è bene che tu tenga presenta due aspetti fondamentali per la tua salute che finora non sono stati menzionati.

Il primo riguarda i metodi tradizionali (scopa e paletta e panno elettrostatico) che molte donne tendono ad alternare alla classica aspirapolvere con cavo, proprio perché più comodi.

In realtà questi celano una grave minaccia legata all’insorgenza di allergie alla polvere. Gli utensili più manuali non purificano l’aria, non eliminano la polvere, che spesso sei costretta a respirare con una discreta probabilità di insorgenza, nel tempo, di problemi respiratori (a questo scopo i filtri HEPA sono una manna dal cielo!).

Il secondo aspetto riguarda proprio le differenze tra i due modelli.

Il peso notevole dell’aspirapolvere con cavo rispetto a quello senza fili, incide sull’affaticamento della schiena e delle articolazioni.

Col tempo, se trascurato, anche questo aspetto può arrecare spiacevoli conseguenze.

Infine,l’ ultimo fattore da considerare è il prezzo.

Un modello di aspirapolvere di media qualità avrà sicuramente un costo maggiore rispetto ad un aspirapolvere senza fili di pari livello.

Tanto vale distinguere l’investimento in base all’uso che puoi farne, riservando il primo alle grandi pulizie stagionali, al fine di preservarne l’integrità e godere delle sue prestazioni più performanti, e il secondo alle faccende quotidiane, che ti costano in questo modo più sicurezza e meno fatica.

Clicca qui per scoprire la nostra classifica delle aspirapolvere senza filo!

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.